La lotta senza fine dei rifugiati palestinesi in Libano

Articolo originaiamente pubblicato su Fanack e tradotto dalla redazione di Bocche Scucite

Nel 2021, un rifugiato palestinese su cinque – tra cui la figlia di Ghada Daher – non ha superato gli esami ufficiali dello Stato.

Una studentessa palestinese legge un libro in classe durante il suo primo giorno di ritorno alla scuola di Haifa amministrata dall’UNRWA nel sobborgo meridionale di Beirut, il 3 settembre 2018. ANWAR AMRO / AFP

Daher, attivista palestinese nel campo profughi palestinese di Mar Elias a Beirut e diplomata all’UNRWA, teme che sua figlia non riceva lo stesso livello di istruzione di un tempo.

“Con l’aggiunta di difficoltà come aule affollate, orari disorganizzati e istruttori assenti, tutto è cambiato. I programmi educativi delle scuole UNRWA sono in pericolo”, ha dichiarato Daher a Fanack.

In Libano, 65 scuole gratuite sono gestite dall’Agenzia delle Nazioni Unite per il soccorso e l’occupazione dei rifugiati palestinesi (UNRWA). Fanack è stato informato da un funzionario dell’agenzia che i donatori devono dare priorità al recente scoppio delle ostilità in Ucraina e alla crisi in corso in Siria. Questo, insieme al crollo economico del Libano, ha avuto un impatto sostanziale sull’organizzazione e sulle sue operazioni. Di conseguenza, l’organizzazione ha dovuto far fronte a una persistente carenza di fondi, che ha costretto a un forte ridimensionamento dei servizi.

L’UNRWA è responsabile principalmente dell’assistenza ai rifugiati palestinesi in Libano, Giordania, Siria e Cisgiordania. Solo in Libano vivono attualmente più di 479.000 rifugiati, ma il numero reale potrebbe essere più alto. Contrariamente a quanto si crede, l’organizzazione offre solo servizi sanitari, infrastrutturali, finanziari ed educativi di base; non gestisce né supervisiona i campi profughi.

Mentre attivisti ed esperti mettono in guardia da potenziali escalation che minacciano la sicurezza interna dei campi – sia attraverso proteste organizzate sia attraverso percorsi migratori pericolosi – il senso di alienazione cresce di giorno in giorno per i rifugiati palestinesi che si trovano incastrati in un Paese che sta vivendo la peggiore crisi degli ultimi anni e a cui è vietato tornare a casa.

La realtà dell’essere palestinese in Libano
Secondo la Banca Mondiale, la crisi economica del Libano è una delle peggiori crisi finanziarie che il mondo abbia vissuto negli ultimi 150 anni.

Oltre il 90% del valore della lira libanese è andato perso, il tasso di disoccupazione è salito alle stelle e circa tre su quattro dei 6,7 milioni di abitanti del Paese vivono in povertà. Tutti gli abitanti, locali o stranieri, sono stati colpiti, ma non allo stesso modo. Il governo libanese impone restrizioni draconiane sul lavoro alle popolazioni più vulnerabili, come i rifugiati palestinesi e siriani, compromettendo gravemente la loro capacità di sostenere se stessi e il proprio futuro.

I palestinesi non possono esercitare più di 30 professioni, tra cui ingegneria, legge e medicina, e sono in gran parte limitati all’economia informale.

Secondo Daher, parrucchieri, artisti della cosmesi, meccanici d’auto, addetti alla consegna dei pacchi e camerieri nei ristoranti sono tra i lavori informali più richiesti al momento.

“La domanda per queste posizioni ha inondato il mercato. Palestinesi, siriani e libanesi scelgono di accedere a questi settori, che raramente sono redditizi – ma che portano un certo reddito”, ha detto.

L’UNRWA ha scoperto che il 68% delle famiglie palestinesi intervistate ha consumato meno pasti al giorno, il 62% ha ridotto la quantità di cibo consumato e il 28% degli adulti sta mangiando meno nell’interesse dei propri figli nel suo rapporto del 2022 sui mezzi di sussistenza dei palestinesi in Libano, ottenuto da Fanack.

Secondo Huda Samra, portavoce dell’UNRWA, “quasi tutte le famiglie palestinesi vivono al di sotto della soglia di povertà”, con un tasso del 93%.

“Le tariffe dei generatori privati sono aumentate in modo esponenziale e le famiglie hanno rinunciato all’elettricità. Altre non comprano più le bombole di gas e si affidano a prodotti di base non cucinati, come pane e timo. Questo purtroppo ha peggiorato le condizioni di salute [dei residenti] all’interno dei campi”, ha detto Samra.

In Libano, 1.275 studenti palestinesi hanno abbandonato la scuola durante lo scorso anno accademico. L’UNRWA ha rilevato nel suo rapporto che, tra i tanti fattori, l’angoscia psicologica è stata indicata come la causa principale dal 55% di questi studenti.

“La situazione sta diventando insopportabile per noi”, ha detto Daher. “Temiamo che l’agenzia possa chiudere completamente e abbandonarci. Sono la nostra unica ancora di salvezza, non abbiamo nessun altro a cui rivolgerci. È loro responsabilità procurare i fondi necessari per aiutarci”, ha detto Daher.

Gli studenti sono le ultime vittime
La figlia quindicenne di Daher, che ha dovuto ripetere il nono anno, riferisce alla madre di attacchi di depressione, ansia e perdita della voglia di proseguire gli studi dall’inizio dell’anno scolastico, a settembre.

“Alcune classi hanno più di 50 studenti. Come possono insegnanti e studenti concentrarsi in queste condizioni? Alcune scuole non hanno nemmeno l’elettricità e l’acqua corrente”, ha detto Daher.

L’autrice sostiene che le scuole non hanno fornito i programmi di studio e che gli studenti ricevono gli orari delle lezioni giorno per giorno.

“Gli studenti hanno perso ogni motivazione a rimanere a scuola e ignorano qualsiasi prospettiva di carriera in questo Paese. Ci dicono persino ‘perché studiare quando io, in quanto palestinese, non posso vivere

Sostiene che le scuole non hanno fornito i programmi di studio e che gli studenti ricevono gli orari delle lezioni giorno per giorno.

“Gli studenti hanno perso ogni motivazione a rimanere a scuola e ignorano qualsiasi prospettiva di carriera in questo Paese. Ci dicono persino ‘perché studiare quando io, come palestinese, non posso nemmeno trovare un lavoro?”, ha aggiunto l’attivista.

Il sindacato degli insegnanti palestinesi e altri gruppi di attivisti nei campi profughi hanno lanciato una serie di proteste davanti agli uffici dell’UNRWA, chiedendo un intervento immediato da parte dell’agenzia.

Secondo Samra, l’UNRWA ha già assunto altri insegnanti e sta attualmente conducendo un censimento degli studenti per determinare il numero totale di insegnanti necessari a dimezzare le classi sovraffollate.

“L’agenzia segue un piano d’azione chiaro: aspettiamo l’inizio dell’anno scolastico prima di effettuare un conteggio degli studenti nelle prime due settimane per assicurarci di avere il numero corretto di insegnanti e di aule disponibili”, ha detto il portavoce.

“Tuttavia, non possiamo nominare un numero di insegnanti superiore a quello necessario”, ha proseguito la portavoce. Per questo motivo dobbiamo aspettare. A volte il numero di studenti registrati differisce dalla realtà sul campo”.

Al Waleed Yahya, redattore del Palestinian Refugee Portal, sostiene che molti genitori hanno deciso di ritirare i propri figli dalle scuole pubbliche e private libanesi, provocando un aumento degli studenti nelle classi già sovraffollate dell’UNRWA.

“C’è una crescente necessità di costruire altre scuole nei campi profughi e i genitori hanno difficoltà a pagare i costi di trasporto. Pertanto, con l’intensificarsi della crisi, le richieste aumentano”, ha dichiarato Yahya a Fanack.

Nonostante gli sforzi dell’UNRWA per alleviare alcune tensioni finanziarie fornendo articoli di cancelleria, molte famiglie sono state costrette a fornire materiale scolastico ai propri figli senza alcun sostegno.

“Con le poche risorse che abbiamo, stiamo facendo del nostro meglio. Anche se riteniamo che gli standard di servizio non siano all’altezza delle nostre aspirazioni, gli effetti del conflitto in Ucraina, le crisi alimentari in Sudan, Yemen e Libia, così come la crisi dei rifugiati siriani e le inondazioni in Pakistan, hanno distolto l’attenzione dai rifugiati palestinesi a livello globale”, ha detto Samra.

Yahya e Daher concordano entrambi sul fatto che la pandemia COVID-19 ha contribuito al problema dell’istruzione e alle carenze dell’UNRWA. L’attivista e l’editore hanno affermato che i bambini, con un telefono cellulare per famiglia e senza accesso a tablet, computer portatili e persino a dati mobili e Internet wireless, devono frequentare le lezioni, prepararsi e superare gli esami online nelle circostanze più difficili.

Il peggio deve ancora venire?

L’UNRWA sta attualmente cercando di collaborare con l’UNICEF per finanziare un’iniziativa volta ad alleviare gli oneri di trasporto, osserva Samra.

Nel frattempo, iniziative su piccola scala come la campagna “Un’uniforme per te” e altre iniziative finanziate dalla diaspora palestinese si sono fatte carico di distribuire articoli di cancelleria e uniformi scolastiche.

Tuttavia, Yahya sostiene che le soluzioni temporanee per i problemi a lungo termine non sono sostenibili.

“L’UNRWA è l’unica fonte di stabilità per i rifugiati palestinesi. Il loro lavoro protegge i campi da scoppi di rabbia collettiva e da potenziali minacce alla sicurezza”, ha detto Yahya.

La crisi libanese ha fatto impennare i casi di violenza e ha messo le fazioni sociali più vulnerabili a rischio di esplodere dalla disperazione, ha aggiunto Yahya.

Gli attivisti mettono in guardia da un’escalation verso l’UNRWA, o da manifestazioni di massa che minaccino la sicurezza interna dei campi se non vengono presentate immediatamente delle soluzioni.

“La fame spinge le persone verso il peggio. Cosa vi aspettate che faccia questa generazione trascurata? Sembra che ci siano solo due opzioni: morire in mare o suicidarsi”, ha detto Yahya.

Quest’estate, la migrazione via mare dal Medio Oriente all’Europa ha raggiunto livelli allarmanti, trasformando nazioni come il Libano in un trampolino di lancio per migranti disperati, tra cui palestinesi, siriani e i suoi stessi cittadini che rischiano la morte nel Mediterraneo per avere una migliore opportunità di vita in Europa.

“A mio parere, questa è una forma di rivolta. È come se i palestinesi gridassero ‘o ci notate o ci uccidiamo’. Alcuni pensano addirittura di marciare verso la Palestina e rischiare la morte per mano dei soldati israeliani”, ha detto l’editore.

Israele non ha permesso il diritto al ritorno dei palestinesi che sono stati sradicati con la forza dalle loro case nel 1948. Mentre la nazione che li ospita, il Libano, diventa sempre più ostile a tutti i suoi cittadini, l’ambiguità ha mantenuto i rifugiati in un perenne stato di limbo e di intenso dolore.

“Dico a mia figlia che essere palestinesi significa resistere, nel tentativo di ispirarla. Ci opponiamo alle guerre, alle aggressioni e ai conflitti economici”, ha dichiarato Daher. “Cerco di rassicurarla sul fatto che c’è la possibilità di tornare nel nostro Paese un giorno. Ma per ora dobbiamo continuare a essere risoluti”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *