L’accordo miliardario che ha reso Google e Amazon partner nell’occupazione israeliana della Palestina

Artixolo pubblicato originariamente su Common Dreams e tradotto in italiano da Palestina Cultura Libertà

Nessuna giustificazione di Google o razionalizzazione di Amazon può cambiare il fatto che stanno favorendo i crimini di guerra israeliani in Palestina.

Di RAMZY BAROUD

“Siamo anonimi perché temiamo ritorsioni”. Questo testo faceva parte di una lettera firmata da 500 dipendenti di Google lo scorso ottobre, in cui denunciavano il sostegno diretto della loro azienda al governo e all’esercito israeliano.

Un palestinese siede sulle macerie di una casa distrutta nella Striscia di Gaza dopo 11 giorni di violenze nel maggio 2021. (Foto: Mahmoud Issa/SOPA Images/LightRocket via Getty Images)

La guerra di Israele al popolo palestinese, ora con l’aiuto diretto di tali compagnie, rimane una delle più gravi ingiustizie che continua a sfregiare la coscienza dell’umanità.

Nella loro lettera, i firmatari hanno protestato contro un contratto da 1,2 miliardi di dollari tra Google, Amazon Web Services (AWS) e il governo israeliano che fornisce servizi cloud per l’esercito e il governo israeliani che “consente un’ulteriore sorveglianza e la raccolta illegale di dati sui palestinesi e facilita l’espansione degli insediamenti illegali di Israele in terra palestinese”.

Si chiama Progetto Nimbus. Il progetto è stato annunciato nel 2018 ed è entrato in vigore nel maggio 2021, nella prima settimana della guerra israeliana a Gaza assediata, che ha ucciso oltre 250 palestinesi e ne ha feriti molti altri.

I dipendenti di Google non solo erano turbati dal fatto che, stipulando questo accordo con Israele, la loro azienda fosse stata direttamente coinvolta nell’occupazione israeliana della Palestina, ma erano ugualmente indignati dal “modello inquietante di militarizzazione” che ha visto contratti simili tra Google —Amazon, Microsoft e altri giganti della tecnologia—con le forze armate statunitensi, l’Immigration and Customs Enforcement (ICE) e altre agenzie di polizia.

In un articolo pubblicato sul quotidiano Nation a giugno, tre rispettati accademici statunitensi hanno rivelato la componente finanziaria della decisione di Amazon di essere coinvolta in un affare così immorale, sostenendo che tali contratti legati all’esercito sono “divenuti una delle principali fonti di profitto per Amazon. ” Si stima, secondo l’articolo, che la sola AWS sia stata responsabile del 63% dei profitti di Amazon nel 2020.

La massima “persone prima del profitto” non può essere più appropriata che nel contesto palestinese e né Google né Amazon possono rivendicare di non sapere. L’occupazione israeliana della Palestina è in atto da decenni e numerose risoluzioni delle Nazioni Unite hanno condannato Israele per la sua occupazione, espansione coloniale e violenza contro i palestinesi. Se tutto ciò non bastasse a far svanire l’entusiasmo di Google e Amazon per impegnarsi in progetti che miravano specificamente a proteggere la “sicurezza nazionale” di Israele – leggi: occupazione continua della Palestina – un rapporto schiacciante del più grande gruppo israeliano per i diritti umani, B’tselem avrebbe dovuto servire da sveglia.

B’tselem ha dichiarato Israele uno stato di apartheid nel gennaio 2021. Il gruppo per i diritti internazionali Human Rights Watch (HRW) ha seguito l’esempio ad aprile, denunciando anche loro lo stato di apartheid israeliano. Erano passate solo poche settimane prima che il Progetto Nimbus fosse dichiarato . Era come se Google e Amazon dichiarassero di proposito il loro sostegno all’apartheid. Il fatto che il progetto sia stato firmato durante la guerra israeliana su Gaza la dice lunga sulla totale violazione, da parte dei due giganti della tecnologia, del diritto internazionale, dei diritti umani e della stessa libertà del popolo palestinese.

Ma c’è di peggio. Il 15 marzo, centinaia di lavoratori di Google hanno firmato una petizione per protestare contro il licenziamento di uno dei loro colleghi, Ariel Koren, attivo nel creare la lettera di ottobre in segno di protesta contro il Progetto Nimbus. Koren era la product marketing manager di Google for Education e lavorava per l’azienda da sei anni. Tuttavia, era il tipo di dipendente che non è stata ben accolta dai likes di Google, poiché l’azienda è ora direttamente coinvolta in vari progetti militari e di sicurezza.

“Per me, come dipendente ebrea di Google, provo un profondo senso di intensa responsabilità morale”, ha detto in una dichiarazione lo scorso ottobre. “Quando lavori in un’azienda, hai il diritto di essere considerata responsabile, anche del modo in cui il tuo lavoro viene effettivamente utilizzato”, ha aggiunto.

Google ha prontamente reagito a quella dichiarazione apparentemente offensiva. Il mese successivo, il suo manager “le ha presentato un ultimatum: trasferirsi in Brasile o perdere la sua posizione”. Alla fine, è stata cacciata dall’azienda.

Koren non è stato il primo dipendente di Google, o Amazon, ad essere licenziato per aver difeso una buona causa, né, purtroppo, sarà l’ultimo. In quest’epoca di militarismo, sorveglianza, riconoscimento facciale ingiustificato e censura, esprimere la propria opinione e osare lottare per i diritti umani e altre libertà fondamentali non è più un’opzione.

I magazzini di Amazon possono essere pessimi, addirittura peggio di una tipica fabbrica di sfruttamento (sweatshop). Lo scorso marzo, e dopo una breve smentita, Amazon si è scusata per aver costretto i suoi lavoratori a fare pipì in bottiglie per acqua, e anche peggio, in modo che i loro manager potessero rispettare le quote richieste. Le scuse hanno seguito le prove dirette fornite dal sito web di giornalismo investigativo, The Intercept. Tuttavia, l’azienda che è accusata di numerose violazioni dei diritti dei lavoratori, incluso il suo impegno nell’impedire i sindacati”, non si pensa che invertirà la rotta in tempi brevi, soprattutto quando sono in gioco così alti profitti.

Ma i profitti generati dal monopolio di mercato, dal maltrattamento dei lavoratori o da altri comportamenti scorretti sono diversi dai profitti generati dal contributo diretto ai crimini di guerra e ai crimini contro l’umanità. Sebbene le violazioni dei diritti umani debbano essere evitate ovunque, indipendentemente dal loro contesto, la guerra di Israele al popolo palestinese, ora con l’aiuto diretto di tali società, rimane una delle più gravi ingiustizie che continua a sfregiare la coscienza dell’umanità. Nessuna giustificazione di Google o razionalizzazione di Amazon può cambiare il fatto che stanno facilitando i crimini di guerra israeliani in Palestina.

Per essere più precisi, secondo The Nation, il servizio cloud Google-Amazon aiuterà Israele a espandere i suoi insediamenti ebraici illegali “appoggiando i dati per l’Israel Land Authority (ILA), l’agenzia governativa che gestisce e assegna la terra demaniale”. Questi insediamenti, ripetutamente condannati dalla comunità internazionale, sono costruiti su terra palestinese e sono direttamente collegati alla pulizia etnica in corso del popolo palestinese.

Secondo il quotidiano israeliano Haaretz, Project Nimbus è “la gara d’appalto più redditizia emessa da Israele negli ultimi anni”. Il progetto, che ha innescato una “guerra segreta” che ha coinvolto i massimi generali dell’esercito israeliano, tutti in lizza per una quota del profitto, ha anche stuzzicato l’appetito di molte altre società tecnologiche internazionali, tutte desiderose di far parte della spinta tecnologica di Israele, con l’ obiettivo finale di mantenere i palestinesi intrappolati, occupati e oppressi.

Questo è esattamente il motivo per cui il movimento di boicottaggio palestinese è assolutamente cruciale poiché prende di mira queste società internazionali, che stanno migrando in Israele in cerca di profitto. Israele, al contrario, dovrebbe essere boicottato, non abilitato, sanzionato e non premiato. Mentre la creazione di profitto è comprensibilmente l’obiettivo principale di aziende come Google e Amazon, questo obiettivo può essere raggiunto senza necessariamente richiedere la sottomissione di un intero popolo, che attualmente è vittima dell’ultimo regime di apartheid rimasto al mondo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *